Portale Trasparenza Comune di Montemurlo - Deposito variante in corso d'opera

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Deposito variante in corso d'opera

Responsabile di procedimento: Vannucci Sandra
Responsabile di provvedimento: Vannucci Sandra
Responsabile sostitutivo: Baroncelli Claudia

Uffici responsabili

Sportello edilizia

Descrizione

Sono denominate “varianti in corso d’opera” tutte le modifiche al progetto originario che non rientrano nelle varianti essenziali e che pertanto non comportano la sospensione dei lavori e la presentazione di nuovo titolo edilizio / comunicazione. Le opere oggetto di variante in corso d’opera possono essere realizzate durante tutto il periodo di validità del titolo edilizio / comunicazione, senza la necessità di nessun atto preventivo, e pertanto anche contemporaneamente alla comunicazione di fine lavori. Per questa ragione vengono comunemente e impropriamente denominate "varianti finali".

La variante soggetta a deposito non deve comportare:

  • mutamento della destinazione d'uso che implichi variazione degli standards;
  • modifiche sostanziali di parametri urbanistico-edilizi del progetto approvato, ovvero della localizzazione dell'edificio sull'area di pertinenza;
  • con esclusione degli immobili ed aree soggette a vincolo o prescrizioni a qualsiasi titolo, un incremento della volumetria complessiva con aumento della superficie utile con destinazione residenziale, in misura superiore al 5 per cento da 0 a 300 metri quadrati ovvero al 2 per cento per la parte eccedente 300 metri quadrati;
  •  con esclusione degli immobili ed aree soggette a vincolo o prescrizioni a qualsiasi titolo, un incremento della volumetria complessiva con aumento della superficie utile con destinazione diversa da quella residenziale in misura superiore al 5 per cento da 0 a 400 metri quadrati ovvero al 2 per cento per la parte eccedente 400 metri quadrati;
  • con esclusione degli immobili ed aree soggette a vincolo o prescrizioni a qualsiasi titolo, la modifica dell’altezza dell’edificio in misura superiore a 30 centimetri qualora l’altezza dell’edificio sia stata prescritta in relazione a quella di altri edifici;
  • con esclusione degli immobili ed aree soggette a vincolo o prescrizioni a qualsiasi titolo, la riduzione delle distanze minime dell’edificio fissate nel permesso di costruire dalle altre costruzioni e dai confini di proprietà, in misura superiore al 10 per cento, oppure in misura superiore a 20 centimetri dalle strade pubbliche o di uso pubblico, qualora l’allineamento dell’edificio sia stato prescritto in relazione a quello di altri edifici; 
  • modifiche in contrasto con eventuali prescrizioni e/o condizioni contenute nel titolo edilizio;
  • la violazione delle norme vigenti in materia di edilizia antisismica, quando la stessa non attenga a fatti procedurali;
  • modifiche della sagoma dell’edificio qualora sottoposto a vincolo ai sensi del Decreto Legislativo 42/2004 oppure ricadente in zona omogenea “A” di cui al decreto ministeriale 1444/1968, o altra zona ad essa assimilata dagli strumenti comunali della pianificazione urbanistica;
  • nel caso in cui riguardino l’aspetto esteriore di immobili o aree tutelate ai sensi della parte terza del Decreto Legislativo 42/2004, siano realizzate senza la relativa autorizzazione;
  • Le variazioni concernenti la superficie e l’altezza costituiscono variazioni essenziali anche se inferiori ai limiti di cui al comma precedente, ove comportino aumento del numero dei piani o delle unità immobiliari.

La variante in corso d’opera è soggetta esclusivamente al deposito del progetto delle opere così come effettivamente realizzate e/o da realizzarsi che verrà allegato alla pratica originaria.


Il deposito della variante in corso d’opera deve essere effettuato con le seguenti modalità:

  • deve avvenire entro il termine di validità del titolo edilizio / comunicazione;
  • deve essere presentata dall’intestatario del titolo edilizio / comunicazione, all’Ufficio Comunale competente, su apposito modello predisposto dall’Amministrazione Comunale “Deposito variante in corso d’opera”) compilato in ogni sua parte e completo di ogni allegato;
  • deve essere corredata da progetto e/o rilievo delle opere composto dagli elaborati grafici necessari e sufficienti a rappresentare l’opera così come effettivamente realizzata e/o da realizzare, ed evidenziare le modifiche tramite la redazione di stato sovrapposto con lo stato di progetto originario.


Vedi art. 117 del Testo coordinato delle disposizioni comunali riguardanti l'edilizia

MODALITA' DI PRESENTAZIONE

Le pratiche vanno presentate per pec a comune.montemurlo@postacert.toscana.it e i documenti allegati devono essere  firmati digitalmente, pena l'irricevibilità della pratica.

Chi contattare

Personale da contattare: De Stefani Lucia

Altre strutture che si occupano del procedimento

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si
immediato alla presentazione

Costi per l'utenza

La variante in corso d'opera  è assoggettata al pagamento dei diritti di segreteria che variano a seconda se si tratti di  opere soggette a SCIA e CILA gratuite, o opere soggette a SCIA e CILA onerose o opere soggette a permesso di costruire (vedi tabella diritti di segreteria)

La Variante deve essere corredata dalla quantificazione del conguaglio del contributo di urbanizzazione e del costo di costruzione, se e in quanto dovuto: il pagamento dell'eventuale conguaglio può essere effettuato contestualmente al deposito e comunque prima della scadenza del termine di validità del titolo edilizio / comunicazione originario/a.

Modulistica per il procedimento

Regolamenti per il procedimento

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: non previsti
Contenuto inserito il 03-02-2016 aggiornato al 10-09-2019
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
via Montalese, 472/474 - 59013 Montemurlo (PO)
PEC comune.montemurlo@postacert.toscana.it
Centralino 0574 5581
P. IVA 00238960975
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it